RICERCA CLASSIFICHE

La bicicletta elettrica: un mezzo indispensabile?

thumbnail
Condividi

POSIZIONE

MODELLO

LINK

#01

Punti 98

Bici ELETTRICA Pieghevole 

#02

Punti 85

Nilox E Bike X5, Bicicletta Elettrica

#03

Punti 84

F.lli Schiano E- Light 2.0

#04

Punti 80

i-Bike, CITY EASY ITA99 

Visti i tempi, vista la versatilità, vista la necessità di spostarsi in modo sempre più easy e soprattutto vista l’importanza di fare moto, si direbbe proprio di si. Inoltre, l’inquinamento è un problema sempre più incalzante e questo mezzo può sicuramente rappresentare una soluzione sana sia per l’ambiente che per il nostro organismo.

Oltre ai benefici dovuti al moto e al minore inquinamento, il nostro organismo potrebbe trarre anche dei vantaggi “psicologici”. Se la maggior parte delle persone usassero questo mezzo (o la cara vecchia bicicletta), significherebbe tanto stress in meno, meno attese, meno code ai semafori.

Per non parlare del risparmio, cosa davvero non poco trascurabile!

E’ ormai disponibile in tutte le versioni: da città o per fare una bella passeggiata in campagna e, in generale, per muoversi anche su strade meno “agevoli” di quelle cittadine.

Ne esistono dei modelli addirittura pieghevoli, ideali per essere trasportate con qualunque altro mezzo di trasporto.

Il vantaggio rispetto ad una bici normale è senz’altro legato al fatto che, anche per i meno allenati e preparati, insomma per quelli meno “sportivi”, è possibile coprire distanze considerevoli senza la paura di non riuscire a tornare a casa!

Ma che cos’è una bici elettrica? Non è da confondere con il ciclomotore. Se tu non pedali la bici non va. Il motore infatti si attiva una volta che si azionano i pedali e non è quindi dotata di acceleratore, sennò sarebbe appunto un ciclomotore.

Tuttavia è vero che esiste la possibilità di avere una bici con un sensore di rotazione dei pedali grazie al quale in pratica starete si girando i pedali, ma senza compiere nessuno, dico nessuno, nessuno sforzo. Rimane il fatto però che non possiate accelerare.

Sono essenzialmente 3 gli elementi che differenziano una bici elettrica da una bici normale: il motore (naturalmente), la batteria e l’elettronica di gestione. Ad ogni pedalata il ciclista viene aiutato dal motore a compiere uno sforzo minore o se preferite, a ricoprire una distanza maggiore con uno sforzo minore.

Il motore infatti, si attiva in base alla pressione che il ciclista esercita sui pedali e alla cadenza.

Le batterie si ricaricano molto semplicemente attaccandole ad una presa di corrente. E’ importante che quando le acquistate vi facciate spiegare bene come si esegue questa operazione che tuttavia, non richiede particolari competenze.

La durata della batteria dipende da diversi fattori: dal tipo di percorso (in salita come poterete immaginare consuma di più), dal peso del ciclista e soprattutto dalla “quantità” di assistenza richiesta. Praticamente più è la “quantità” di pedalata che ci mettiamo noi, minore è il consumo (com’è logico che sia).

Con una buona batteria si arriva a coprire agevolmente dai 50 ai 60 km. Anche qui però, come per tutti i mezzi e gli strumenti in cui interviene la tecnologia, si hanno diverse fasce di prezzo che garantiscono diverse performance delle batterie.

Quelle più costose, per intenderci, non solo sono in grado di ricaricarsi in tempi molto più rapidi, ma garantiscono un’autonomia 3 volte superiore a quelle di una normale batteria di fascia media.

Il tempo di ricarica medio è di circa 8/10 ore.

Per quanto riguarda il cambio, si può dire che nella maggior parte dei casi è manuale e si aziona più o meno come il cambio delle biciclette normali.

Per scegliere una bici elettrica il nostro suggerimento è quello di considerare bene l’utilizzo che ne dovete fare. Come poterete facilmente immaginare se sono un tassista e mi devo comprare l’auto per il mio lavoro, sicuramente avrà caratteristiche diverse da chi la utilizza che so, in un cantiere edile e magari gli serve per trasportare dei materiali.

Così vale per la bici. Un conto è se dovete utilizzarla per diletto, magari per scalare una collina (esiste anche una tipologia mountain bike elettrica), un conto è se dovete usarla tutti i giorni magari per recarvi al lavoro. In quest’ultimo caso, immagino che dobbiate scegliere una bici, preparata e regolata, in modo che arriviate al lavoro più freschi e riposati possibile.

Su questo aspetto è bene soffermarsi. Per scegliere una bici occorre valutare tanti aspetti. Oltre naturalmente la marca, un marchio conosciuto e molto acquistato è già un buon segnale, occorre valutare l’assistenza.

Che cosa ci offre il rivenditore? E’ un rivenditore che mi seguirà anche dopo l’acquisto o poi dovrò arrangiarmi da solo? Che tipo di garanzia offre il prodotto che sto per acquistare? Quanto costano i pezzi di ricambio? E soprattutto sono facilmente acquistabili o dovrò aspettare dei mesi nel malaugurato caso che me ne servisse qualcuno?

Se il percorso non presenta asperità e non richiede caratteristiche specifiche, diciamo che va bene qualunque tipo di bicicletta elettrica e quindi diciamo che la scelta diventa più facile, sempre tenendo conto delle raccomandazioni fatte.

Se invece, come già detto, avete esigenze particolari il costo è legato più che altro ad aspetti che riguardano la tecnologia che il veicolo sfrutta anche se rimangono rilevanti gli aspetti comuni alla bici normale come telaio, materiali, freni, ruote e sospensioni.

Incide naturalmente il brand e se vogliamo anche la popolarità del marchio che andiamo ad acquistare.

Ma ricordate. Più potente è il motore, più performante è la batteria, più è una marca prestigiosa e affidabile, più il prezzo salirà, ma saranno sicuramente maggiori le probabilità di acquistare un mezzo ormai così importante nella nostra società.

Come si vede dalla tabella in testa a questo articolo, ci siamo divertiti a stilare una classifica di alcuni modelli di bici, perciò se siete davvero interessati all’acquisto, dategli un’occhiata.

Se il modello che avete scelto è un modello che si trova all’interno della nostra classifica è probabile che si tratti di un buon affare, anzi è molto probabile! Naturalmente abbiamo valutato tipologie di biciclette simili anche per fascia di prezzo.

Come sempre diciamo si tratta di articoli dei quali abbiamo letto e valutato tante recensioni, abbiamo valutato con il nostro staff il rapporto qualità prezzo e soprattutto abbiamo elaborato il nostro algoritmo che tiene presente anche aspetti quali la popolarità e le vendite.

Se in tanti l’hanno scelto e continuano a farlo, un motivo valido ci sarà. O no?

Buona pedalata a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top